ita | eng
99 amaranto - Guarda il Trailer del documentario

GUARDA IL TRAILER

In anteprima il trailer del documentario in uscita verso marzo 2007.

99 Amaranto - il film

IL FILM

Cristiano Lucarelli è un calciatore anomalo: da quando ha iniziato a giocare a calcio da ragazzino, nei giardini vicino al porto, ha sempre inseguito il sogno di vestire la maglia amaranto del Livorno e di correre sul prato dell’Ardenza, segnando magari una rete decisiva che porti la sua squadra lontano dalla serie C dove gioca ormai da oltre vent’anni. [continua]

99 Amaranto - un documentario su Cristiano Lucarelli

99 AMARANTO

Una produzione L'Occhio e La Luna. Liberamente tratto dal libro "Tenetevi il miliiardo" di Carlo Pallavicino. [continua]

... EDUARDO GALEANO ...

"La storia del calcio è un triste viaggio dal piacere al dovere. A mano a mano che lo sport si è fatto industria è andato perdendo la bellezza che nasce dall’allegria di giocare per giocare. Per fortuna appare ancora sui campi di gioco, sia pure molto di rado, qualche sfacciato con la faccia sporca che esce dallo spartito per il puro piacere di lanciarsi verso l’avventura proibita della libertà"

°)
una produzione L'Occhio e La Luna

99 Amaranto - Il Film

 

Cristiano Lucarelli è un calciatore anomalo. La storia del calcio si allontana sempre di più dal piacere del gioco, per ritrovarsi dominata completamente dalle regole dell’industria e da uno schiacciante conformismo che tende ad un’uniformazione generale dei modi e dei pensieri: Lucarelli fa parte di quei rari esempi di calciatori che hanno scelto di uscire dal copione, per il piacere di giocare per giocare.

 

Il destino del giocatore è quello di essere in mano a imprenditori che lo comprano, lo vendono, lo prestano, in cambio di promesse di fama e denaro. Lucarelli non ha accettato questa prigione dorata e ha seguito il suo desiderio di bambino, vestire la maglia amaranto della sua città e correre sul prato dell’Ardenza. All’apice della sua carriera rifiuta un miliardo di lire l’anno e un futuro certo per inseguire il sogno di riportare il Livorno in A dopo un’assenza di 55 anni.

 

Non si può scindere la partita dalla vita, come ricorda un coro degli ultras livornesi, come se lo stadio non fosse altro che una metafora di qualcosa di più ampio, una parte per il tutto.

 

La maggior parte dei calciatori parlano di orologi e di automobili, ma Lucarelli è figlio della sua Livorno, una città diversa: una città popolare, passionale, diffidente e orgogliosamente “rossa”, che si snoda tra i cantieri navali e le gradinate dell’Ardenza; la storia del calciatore non può che fondersi e confondersi con quella della sua città, così come le parole e le dichiarazioni del numero 99 non possono che essere in linea con gli striscioni e i cori delle Brigate Autonome Livornesi (peraltro costrette a sciogliersi a seguito della pesante repressione nei loro confronti).

 

Per un livornese la visione del mondo è “Livorno-centrica”: meglio disoccupati all’Ardenza che ingegneri a Milano, e primo interprete di questa filosofia di vita è Maurizio Lucarelli, portuale livornese e deus ex machina delle scelte del figlio.

 

Non è di Livorno Carlo Pallavicino, il procuratore di Cristiano. Secondo “le regole” un calciatore professionista è uno zingaro di professione che non può seguire i suoi istinti: la scelta di scendere di categoria e di stipendio rappresenta un caso unico per il calcio moderno che misura le scelte in termini esclusivamente economici. Un fallimento vorrebbe dire la fine della carriera e anche di un sogno cullato per tanti anni.

 

Per questo Carlo segue la scelta di Cristiano con curiosità e apprensione, scrivendoci un libro: “Tenetevi il miliardo”. Ma la sua posizione rappresenta anche il punto di vista comune, quello del miscredente non livornese, che viene travolto dalla forza dei racconti di Maurizio Lucarelli, del vignettista Emiliano Pagani, degli ultras, ma anche di artisti, di tifosi popolari e personaggi comuni.
Tutti chiamati a esprimere il punto di vista di una Livorno autentica, che si ritrova nuovamente alla ribalta e che interpreta alla perfezione il senso romantico e la possibilità di salvezza di un calcio quasi scomparso.

 

La storia ha infatti un lieto fine: tra molte difficoltà, sportive e non solo, Lucarelli riesce nell’intento (inaspettato) di trascinare il Livorno in serie A, e successivamente di vincere la classifica dei marcatori con 24 reti, fino ad arrivare, nella stagione in corso, dopo un nuovo rifiuto milionario, a disputare le competizioni internazionali della Coppa Uefa.

 

Alcune volte il calcio è ancora il gioco più bello del mondo.